Allarme Legionella nel comune di Busto Arsizio. Come e quando si effettuano controlli delle acque condominiali adeguati? Scoprilo in questo articolo!

Non solo Covid-19. In questa estate 2020 torna anche l’allarme per la presenza del batterio della Legionella nelle acque destinate al consumo umano in diverse zone del Nord Italia. A fine luglio, ben 8 persone sono state ricoverate all’ospedale di Pordenone, dopo aver inalato il batterio. In quel caso, i soggetti contagiati, appartenenti a nuclei familiari diversi, erano tutti residenti nel comune di Aviano (Friuli Venezia Giulia). Per fortuna, nessuno di loro è andato incontro a esiti letali.

Un bilancio assai più grave è invece quello registratosi negli ultimissimi giorni nel comune di Busto Arsizio. Nel comune lombardo ci sono stati 16 casi accertati. Due sono invece le vittime venute a contatto con il batterio. L’assessore al Walfare Lombarda Giulio Gallera, ha tuttavia precisato che : “i due decessi riguardano un uomo, nato nel 1942, ricoverato in broncopneumologia con polmonite da legionella, deceduto per altra causa (infarto miocardico), e una donna, nata nel 1939, ricoverata in medicina e deceduta per patologia neoplastica” (Adnkronos).


L’importanza della prevenzione e delle verifiche

Gli ultimi casi sono soltanto l’appendice di un fenomeno purtroppo molto diffuso e costante nel tempo. CSDM è da sempre in prima linea nella lotta alla legionellosi, sia attraverso un’attività di sensibilizzazione della comunità rispetto ad una cultura della prevenzione, sia a livello pratico, garantendo da anni e con competenza il servizio di analisi e verifica legionella nei condomini e nelle aziende.

Responsabilità e competenze

Come noto, esistono due differenti profili di responsabilità relativamente ai soggetti incaricati a verificare la salubrità delle acque:

  1. Il gestore del servizio idrico ottempera agli obblighi previsti dal Dlgs 31/2001 (articolo 5 , comma 2 ) quando i valori fissati dalla legge sono rispettati nel punto di consegna. In altre parole, il gestore deve garantire la salubrità dell’acqua dall’acquedotto sino al condominio (escluso).
  2. L’Amministratore di condominio è invece responsabile della salubrità delle acque all’interno dello stabile o degli stabili da lui amministrati. Pertanto deve periodicamente verificare che siano stati eseguiti gli adeguamenti normativi sugli impianti presenti nell’ambito del condominio, a partire dal punto di consegna dell’acqua. Ci si riferisce alla legge 46/1990, il D.P.R. n. 447/1991, il Dlgs 31/2001, nonché alle “Linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi” del 7 maggio 2015 della Conferenza Stato Regioni, oltre che a svariate sentenze della Corte di Cassazione.

Come avviene la verifica?

CSDM prevede un protocollo di intervento in grado di supportare l’amministratore in tutte le fasi di analisi e monitoraggio delle acque, compresa la gestione di una crisi per evitare situazioni pericolose per la salute, come nel caso di Busto Arsizio. Di seguito riportiamo lo scrupoloso iter che l’organismo ha perfezionato e collaudato negli anni e che garantisce elevati standard di sicurezza a fronte di un impatto economico poco oneroso per i condomini:

  • Campionamento. I tecnici CSDM effettuano il prelievo dal rubinetto di una abitazione, di una centrale termica oppure dall’autoclave. Per procedere con la campionatura in punti di prelievo specifici, è necessario che l’Amministratore fornisca preventivamente ai tecnici i dati utili.
  • Analisi. I laboratori partner di CSDM effettuano analisi sui campioni prelevati secondo parametri specifici e in accordo con le linee guida per la Legionella della Regione Lombardia.
  • Reporting. CSDM invia all’amministratore il rapporto di prova con il relativo esito. Qualora il report evidenzi la presenza di legionella bisogna intervenire procedendo con ulteriori campionamenti in diversi punti, in numero variabile a seconda dell’estensione del condominio stesso, secondo quanto stabilito dalle Linee Guida. Quindi, è necessario valutare la situazione a seguito dei rispettivi esiti e, nel caso in cui vengano riscontrati rischi per la salute, procedere alla bonifica. In tal caso le operazioni vengono svolte da aziende terze specializzate, mentre CSDM interviene successivamente, verificando nuovamente lo stato degli impianti, stilando e inviando quindi all’amministratore un nuovo rapporto.

Il servizio di verifica e analisi legionella effettuato da CSDM è in grado di assicurare elevati standard di qualità, mantenendo basso l’impatto economico a carico dei condomini.

Entra nella sezione “contatti” sul sito csdm.it e richiedi subito un preventivo per un controllo rapido ed efficace volto a scongiurare il rischio di infezione da legionella.

Condividi questo articolo:
Previous Post